Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Niko Romito: l’alta ristorazione può essere alla portata di tutti

 

Niko Romito, Identità Golose, Identità Golose 2017, Milano

Il viaggio che Niko Romito ci permette di fare durante Identità Golose 2017 parte dalla cucina d'autore di un grande chef per arrivare alla ristorazione collettiva. Parla esplicitamente di “mense ospedaliere” e di come si possa ragionare su diversi “format gastronomici” per portare l’alta ristorazione a tutti.

Il progetto “Intelligenza Nutrizionale”, realizzato da Romito in collaborazione con GioService e l'Unità di Ricerca in Scienza dell'Alimentazione e Nutrizione Umana dell'Università La Sapienza di Roma, è incentrato sul ruolo dell’alimentazione nel processo di guarigione: partirà il prossimo 12 aprile e potremo capire come, concretamente, si possa realizzare la visione di Romito.


Nell’attesa scambiamo qualche parole con lui per capire cosa c’è dietro (e dentro) uno chef che arriva a concepire un’alta ristorazione alla portata di tutti: “Oggi per me fare cucina significa prima di tutto non seguire le mode – ci dice –: queste trascinano certamente il pubblico, ma un prodotto non onesto e calcolato per compiacere alla lunga allontana le persone. Inoltre credo che fare cucina oggi in Italia significhi fare cultura del cibo attraverso una gastronomia responsabile e sostenibile per il territorio e i produttori e, seguendo questa linea, allargare il più possibile la platea dei clienti. Anche magari spingendosi, appunto, in un campo etico e di responsabilità, come stiamo provando a fare con il progetto Intelligenza Nutrizionale”.


Romito ha consolidato le radici della cucina nella sua terra d’Abruzzo, ha affinato e ampliato la conoscenza dei prodotti che esalta nel piatto; ha studiato e fatto proprie nuove tecniche, ha viaggiato con occhi e mente sempre aperti. Ma soprattutto è restato se stesso: la sua cucina colpisce per identità e nettezza: sapori vividi, tipicamente abruzzesi, moderni. “Per chi è cuoco oggi in Italia esistono due vie distinte: la prima è l’aggiornamento della tradizione, la seconda parte dalla tradizione per arrivare a concetti nuovi. La prima riguarda per esempio l’alleggerimento delle ricette popolari, che magari vanno sgrassate o alleggerite dagli zuccheri. Personalmente ho sempre seguito questa strada, ma adesso mi muovo sulla seconda. La cucina italiana deve osare, rimanere ancorata al passato ma puntare alle tavole di New York o Shanghai”.


Romito è esponente di punta della cucina italiana moderna che oggi tiene alta la bandiera dei nostri prodotti nel mondo. Lassù sui monti abruzzesi a due passi da Sulmona – la patria dei confetti – Niko Romito colpisce con letture della tradizione a tratti spudorate, nel senso migliore del termine. Romito prende il territorio e lo restituisce a modo suo: mai stravolto, mai confuso, sempre integro e ricco di sapore. Come nel caso della Crema di fave con “pallotte, caci’ e ova” o dell’Assoluto di cipolle, Parmigiano Reggiano e zafferano, o ancora della Crema d’aglio e cavolfiore – fatta con l’Aglio rosso di Sulmona, prodotto bandiera d’Abruzzo.


“Occorre avere grandissimo rispetto per la materia prima – conclude Romito –, e qui sta la difficoltà: rispettarla è difficile almeno quanto creare un piatto semplice e memorabile. Non sono un minimalista: sono allergico al superfluo. Della mia cucina si dice spesso che è semplice. È vero, nel senso che manca di complicazione, eppure è molto complessa. La complessità in cucina può essere vantaggiosa, la complicazione mai. Alla base della mia cucina ci sono studio, ricerca e tecnica ma è solo attraverso l’equilibrio che la complessità si traduce in linearità. A ogni servizio, dalla preparazione al momento in cui la portata è pronta, con la mia brigata controllo e correggo le sfumature del piatto. Quando si vuole contare solo su un numero ridottissimo di ingredienti e si punta all’estrema essenzialità, basta essere fuori asse di pochissimo e si nota subito il difetto”.


Di lui ha scritto Paolo Marchi, ideatore e curatore di Identità Golose: “Niko ricorda un giocatore di scacchi: entrambi tendono a un gesto preciso e netto, ma che è frutto di studi e di logica. Il tratto della cucina di Romito è la sua semplicità, solo apparente però. Quando Niko va all’essenza del gusto, lo fa togliendo l’inutile per esaltare il protagonista. Non gioca con le sorprese e se è arrivato alla terza stella Michelin è perché non inganna: hai la netta sensazione che non vi siano altre risposte giuste se non quella data da lui”.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Chi - I più recenti

  • A Milano apre Lume, nuovo ristorante di Luigi Taglienti - Intervista allo chef
    Written by

    Ha inaugurato Lume, il nuovo ristorante milanese dello chef stellato Luigi Taglienti. 
Inserito in un contesto di archeologia industriale (gli stabili fanno parte di quella che fu la grande ex fabbrica Richard-Ginori), questo nuovo polo della gastronomia d’alto livello si trova in via Giacomo Watt 37, zona Naviglio Grande. Il complesso è gestito da MB America, azienda americana di wealth management che opera a Miami, Milano e Modena, con cui Taglienti ha collaborato ad ogni decisione sulla filosofia del ristorante e lo sviluppo del brand. Con un luminosissimo spazio eventi e ristorante intimo di poche sedute, Lume promette di attirare l’attenzione di tutti gli amanti del bien vivre cittadini e viaggiatori. Sempre più seguito dagli aficionado della sua cucina, Luigi Taglienti ha raccontato il suo nuovo ristorante ad A Tavola. Ecco cosa ci ha detto.

    Read more...
  • Caterina Ceraudo: le mille sfumature della natura nel piatto
    Written by

    caterina cerrando, chef, giovani talenti,

    Donna, giovane, calabrese: a soli 28 anni si è imposta all’attenzione nazionale come una delle chef più promettenti e alla fine di ottobre viene eletta miglior chef donna del 2016 durante il congresso di  Identità Golose.

    Enologa per tradizione familiare, scopre la sua passione per la cucina alla corte di Niko Romito e in breve tempo prende le redini del ristorante di famiglia, il Dattilo di Strongoli, una stella Michelin. Per creare un ottimo piatto per lei è importante la semplicità e una materia prima eccellente.

    Read more...
  • Chef Mauro Uliassi e … 50 sfumature di mare
    Written by

    Mauro Uliassi A Tavola

    Sono 50 e forse qualcuna di più le sfumature di mare che lo chef Mauro Uliassi ci ha presentato parlando della sua idea di cucina.

    Read more...
  • Cibo vs Fuff: Valerio Massimo Visintin ci parla di "Cuochi sull'orlo di una crisi di nervi"


    Valerio Massimo Visintin, il critico gastronomico torna in libreria con la sua ultima fatica letteraria “ Cuochi sull’orlo di una crisi di nervi” edito da Terre di mezzo Editore. 

    In incognito si muove tra tavoli senza tovaglia e cibi senz’anima, per noi si immola ogni giorno aiutandoci a destreggiarci nello scenario da giungla che è la ristorazione milanese, veste di nero e firma con una V… no, non è Zorro, ma Valerio Massimo Visintin. 

    Ai lettori di A Tavola racconta, con la sua solita verve,  di gioie e dolori, di fuff e di food e di mafia e di chef.

    Read more...
  • Il cibo può abbracciare e raccontare una vita intera

    Marcello Forcina autore del libro la psicologia della frolla

    Si definisce “goloso per natura e scrittore per passione” il giovane Marcello Forcina, romano d’adozione, scrittore all’esordio con “La psicologia della frolla”, romanzo che parla di amore, di cibo e di amore per il cibo. Tramite A Tavola ci racconta qualcosa in più di sé, del suo romanzo e dell’amore della sua vita: Roma. 

    Read more...