Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Skin ADV

Valeria Margherita Mosca ci parla di Wood*ing: attenzione all’ambiente e riscoperta della materia prima selvatica

Valeria Mosca

Torneremo a nutrirci di piante selvatiche. È certo questo l’auspicio di Valeria Margherita Mosca, “Research & training, forager & chef” (ci tiene molto alla sua qualifica). Valeria non è chef e nemmeno ricercatrice: è tutte e due le cose. Lo ha spiegato con efficacia durante l’ultima edizione di Identità Golose a Milano, quando ha presentato il progetto “Wood*ing”, incentrato sul tema “thinking like the forest”.

Ma mettiamo un po’ d’ordine.

Valeria è ricercatrice. Vero, perché racconta del progetto del quale è direttrice come di un’azienda agricola sperimentale che, in collaborazione con Regione Lombardia e Legambiente, ha l’obiettivo di ridare vita ad alpeggi un tempo aree agricole floride e oggi in stato di abbandono.

Valeria è chef. Vero anche questo; infatti la riqualificazione del territorio è connessa al linguaggio universale della cucina, per giungere a tutti i palati e raccontare una storia di sostenibilità e sensibilità fuori dal comune.

Già perché Valeria è decisamente fuori dal comune; fuori da ingredienti standard, da canoni del gusto, da regole di “buona cucina”. Gli alpeggi dove opera insieme al team di Wood*ing traducono con straordinaria sincerità la voglia di vivere in simbiosi e scambio sostenibile con ambienti dimenticati: è la riscoperta dell’alimurgìa, questa scienza ormai sconosciuta ai più che fino alla fine del XIX secolo studiava la possibilità di nutrirsi di piante selvatiche, per motivi salutistici ma anche legati a carestie o carenze economiche. Gli alpeggi vengono coltivati con piante generate da semi selvatici fatti crescere in speciali serre dove Valeria ha messo in piedi “impianti acquaponici”. Di che si tratta? In poche parole un impianto acquaponico utilizza l’acqua di scarico di vasche dove sono allevati pesci autoctoni (contenente concime naturale dei pesci) per irrigare speciali ambienti di crescita delle piante, privi di terra. L’acqua è ricca di sostanze nutrienti grazie ai batteri presenti al suo interno; batteri che trasformano le sostanze di rifiuto in sostanze utili per le piante. A questo punto gli scarti della serra vengono utilizzati per nutrire i pesci, dando vita a cicli continui e sostenibili.

Ma, come detto, il legame con la cucina è forte. Valeria presenta a Identità Golose un piatto, anche se è più corretto parlare di un’esperienza. L’ingrediente principale è una trota (i pesci – rigorosamente autoctoni – sono ingredienti molto importanti per Valeria) che viene eviscerata, essiccata e pressata per facilitare la fuoriuscita del grasso e quindi una conservazione migliore. La trota in questione ricorda il più famoso Missoltino, pesce tipico del Lago di Como, che però viene lavorato intero e, una volta essiccato, presenta un sapore più deciso e pungente. La trota proposta da Valeria viene quindi reidratata con latte di capra crudo e muschio quercino, nuovamente pressata e leggermente affumicata.

Il muschio quercino (in realtà un lichene), merita qualche parola. Sì perché, come tutti i licheni, è un alimento completo, ricco di proteine, carboidrati, minerali e vitamine. In particolare, il muschio quercino tende a esaltare profumi e aromi dell’ingrediente al quale viene avvicinato.

La trota viene accompagnata con “Ruscus aculeatus” (nome scientifico del più comune pungitopo), il quale subisce un processo di lattofermentazione, una serie di passaggi che permette di sviluppare batteri “buoni” a scapito di quelli “cattivi” o patogeni, ma anche di arricchire l’ingrediente trattato di anti-ossidanti e vitamine, elementi importanti per una sana alimentazione.

Al pungitopo così trattato si accostano altre due piante (con rispettivo fiore) particolari: il “Dente di cane”, una pianta che regala un fiore dal sapore di mandorla dolce, e l’“Aglio Orsino”, parente stretto del più comune aglio che utilizziamo tutti i giorni in cucina (ma che presenta una caratteristica vincente: non lascia segni del suo passaggio!).

Il piatto viene completato da Radici di Bardana, Tarassaco e Cicoria selvatica, tutti cotti e fermentati: ingredienti che così trattati donano un sapore che ricorda il cioccolato ma dalle punte sapide.

Insomma i ragazzi del progetto Wood*ing creano menù degustazione per rendere piacevole e più accessibile una materia complicata, per fare cultura su elementi che, inconsapevoli, calpestiamo tutti i giorni e riportare alla luce un ricchissimo mondo sommerso dall'oblio in cui è precipitato.

Valeria Margherita Mosca a Identità Golose

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Chi - I più recenti

  • A Milano apre Lume, nuovo ristorante di Luigi Taglienti - Intervista allo chef
    Written by

    Ha inaugurato Lume, il nuovo ristorante milanese dello chef stellato Luigi Taglienti. 
Inserito in un contesto di archeologia industriale (gli stabili fanno parte di quella che fu la grande ex fabbrica Richard-Ginori), questo nuovo polo della gastronomia d’alto livello si trova in via Giacomo Watt 37, zona Naviglio Grande. Il complesso è gestito da MB America, azienda americana di wealth management che opera a Miami, Milano e Modena, con cui Taglienti ha collaborato ad ogni decisione sulla filosofia del ristorante e lo sviluppo del brand. Con un luminosissimo spazio eventi e ristorante intimo di poche sedute, Lume promette di attirare l’attenzione di tutti gli amanti del bien vivre cittadini e viaggiatori. Sempre più seguito dagli aficionado della sua cucina, Luigi Taglienti ha raccontato il suo nuovo ristorante ad A Tavola. Ecco cosa ci ha detto.

    Read more...
  • Caterina Ceraudo: le mille sfumature della natura nel piatto
    Written by

    caterina cerrando, chef, giovani talenti,

    Donna, giovane, calabrese: a soli 28 anni si è imposta all’attenzione nazionale come una delle chef più promettenti e alla fine di ottobre viene eletta miglior chef donna del 2016 durante il congresso di  Identità Golose.

    Enologa per tradizione familiare, scopre la sua passione per la cucina alla corte di Niko Romito e in breve tempo prende le redini del ristorante di famiglia, il Dattilo di Strongoli, una stella Michelin. Per creare un ottimo piatto per lei è importante la semplicità e una materia prima eccellente.

    Read more...
  • Chef Mauro Uliassi e … 50 sfumature di mare
    Written by

    Mauro Uliassi A Tavola

    Sono 50 e forse qualcuna di più le sfumature di mare che lo chef Mauro Uliassi ci ha presentato parlando della sua idea di cucina.

    Read more...
  • Cibo vs Fuff: Valerio Massimo Visintin ci parla di "Cuochi sull'orlo di una crisi di nervi"


    Valerio Massimo Visintin, il critico gastronomico torna in libreria con la sua ultima fatica letteraria “ Cuochi sull’orlo di una crisi di nervi” edito da Terre di mezzo Editore. 

    In incognito si muove tra tavoli senza tovaglia e cibi senz’anima, per noi si immola ogni giorno aiutandoci a destreggiarci nello scenario da giungla che è la ristorazione milanese, veste di nero e firma con una V… no, non è Zorro, ma Valerio Massimo Visintin. 

    Ai lettori di A Tavola racconta, con la sua solita verve,  di gioie e dolori, di fuff e di food e di mafia e di chef.

    Read more...
  • Il cibo può abbracciare e raccontare una vita intera

    Marcello Forcina autore del libro la psicologia della frolla

    Si definisce “goloso per natura e scrittore per passione” il giovane Marcello Forcina, romano d’adozione, scrittore all’esordio con “La psicologia della frolla”, romanzo che parla di amore, di cibo e di amore per il cibo. Tramite A Tavola ci racconta qualcosa in più di sé, del suo romanzo e dell’amore della sua vita: Roma. 

    Read more...