Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Chef Mauro Uliassi e … 50 sfumature di mare

Mauro Uliassi A Tavola

Sono 50 e forse qualcuna di più le sfumature di mare che lo chef Mauro Uliassi ci ha presentato parlando della sua idea di cucina.

“Tutti i giorni il mio lavoro mi porta a contatto con le sfumature del mare. Il mare offre continui cambiamenti e numerose situazioni, l’una diversa dall’altra: c’è il mare della prima mattina, quello di mezzogiorno con il sole alto e le alghe ossidate sul bagnasciuga, il mare sferzato dal vento che arriva dalla terra e che, quindi, si mescola con altri profumi, il mare dei porti, il mare degli scogli con la piccola fauna che popola questi ambienti. Il mio obiettivo è uno solo: portare nei miei piatti queste sfumature”.


Ed è quello che si percepisce già nella prima ricetta di cui ci parla, il “Benvenuto al mare” (così si chiama l’antipasto inserito quest’anno per la prima volta nel menù del suo ristorante di Senigallia, cittadina incastonata tra mare e monti nelle Marche), un piatto che unisce odori e sapori freschi e salmastri di un mare ricco di sorprese. L’olfatto è il senso messo al centro di questa ricetta, impreziosita da una materia prima pura che regna sovrana: “si tratta di un semplice brodo ottenuto dall’acqua delle vongole e insaporito con anemoni di mare, ricci di mare, alghe in polvere, plancton e ostriche”.


Uliassi è proprio lo chef delle sfumature. Nella maggior parte dei suoi piatti, i prodotti del mare non vengono utilizzati come ingredienti primari, ma come elementi insaporenti, per donare gusto e ricordi al piatto. Sono moltissimi gli ingredienti che lo chef utilizza seguendo questa logica: su tutti proprio gli anemoni di mare, i ricci di mare, le ostriche, ma anche le interiora di pesce: “tutti ingredienti che vanno ad arricchire le sfumature del piatto proposto”. Il cliente va conquistato e, si sa, il senso primordiale di noi esseri umani è l’olfatto, che richiama l’infanzia e proietta verso il futuro.


Tuttavia, come detto, la cittadina di Senigallia è inserita in un contesto particolare. Basta infatti voltare le spalle al mare per trovarsi immersi in un ambiente fatto di colline, orti e allevamenti. Lo chef si lascia andare a ricordi d’infanzia: “ricordo sin da piccolo che i pescatori avevano anche piccoli appezzamenti di terra dove, oltre alle verdure coltivate con sapienza, allevavano maiali, polli e altri animali”. La cucina è ricordo, e questo porta Uliassi alla seconda ricetta di cui vuole parlarci: il bollito che incontra mare e terra, un connubio interessante tra ingredienti semplici e, solo all’apparenza, stonati tra loro. Murici (o garusoli – una varietà di molluschi, considerate “lumache di mare”), calamaretti, orecchio di maiale, erbe varie (acetosa, acetosella, finocchio marino, menta e rabarbaro cinese), il tutto accompagnato da mostarda di Cremona unita a senape, frullata e passata al setaccio, maionese fatta con olio e acqua dei cannolicchi; un piatto finito e aromatizzato con l’arancio e la salsa tipica di accompagnamento del bollito, la salsa verde, fatta con cuori di carciofi frullati, prezzemolo, capperi e acciughe.
Un percorso d’autore, come diceva il grande poeta spagnolo Federico Garcia Lorca: “Come si può capire qualcosa della vita, e capire a fondo se stessi, se non lo si è imparato dal mare?”

Una creazione di Mauro Uliassi

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Chi - I più recenti

  • A Milano apre Lume, nuovo ristorante di Luigi Taglienti - Intervista allo chef
    Written by

    Ha inaugurato Lume, il nuovo ristorante milanese dello chef stellato Luigi Taglienti. 
Inserito in un contesto di archeologia industriale (gli stabili fanno parte di quella che fu la grande ex fabbrica Richard-Ginori), questo nuovo polo della gastronomia d’alto livello si trova in via Giacomo Watt 37, zona Naviglio Grande. Il complesso è gestito da MB America, azienda americana di wealth management che opera a Miami, Milano e Modena, con cui Taglienti ha collaborato ad ogni decisione sulla filosofia del ristorante e lo sviluppo del brand. Con un luminosissimo spazio eventi e ristorante intimo di poche sedute, Lume promette di attirare l’attenzione di tutti gli amanti del bien vivre cittadini e viaggiatori. Sempre più seguito dagli aficionado della sua cucina, Luigi Taglienti ha raccontato il suo nuovo ristorante ad A Tavola. Ecco cosa ci ha detto.

    Read more...
  • Caterina Ceraudo: le mille sfumature della natura nel piatto
    Written by

    caterina cerrando, chef, giovani talenti,

    Donna, giovane, calabrese: a soli 28 anni si è imposta all’attenzione nazionale come una delle chef più promettenti e alla fine di ottobre viene eletta miglior chef donna del 2016 durante il congresso di  Identità Golose.

    Enologa per tradizione familiare, scopre la sua passione per la cucina alla corte di Niko Romito e in breve tempo prende le redini del ristorante di famiglia, il Dattilo di Strongoli, una stella Michelin. Per creare un ottimo piatto per lei è importante la semplicità e una materia prima eccellente.

    Read more...
  • Chef Mauro Uliassi e … 50 sfumature di mare
    Written by

    Mauro Uliassi A Tavola

    Sono 50 e forse qualcuna di più le sfumature di mare che lo chef Mauro Uliassi ci ha presentato parlando della sua idea di cucina.

    Read more...
  • Cibo vs Fuff: Valerio Massimo Visintin ci parla di "Cuochi sull'orlo di una crisi di nervi"


    Valerio Massimo Visintin, il critico gastronomico torna in libreria con la sua ultima fatica letteraria “ Cuochi sull’orlo di una crisi di nervi” edito da Terre di mezzo Editore. 

    In incognito si muove tra tavoli senza tovaglia e cibi senz’anima, per noi si immola ogni giorno aiutandoci a destreggiarci nello scenario da giungla che è la ristorazione milanese, veste di nero e firma con una V… no, non è Zorro, ma Valerio Massimo Visintin. 

    Ai lettori di A Tavola racconta, con la sua solita verve,  di gioie e dolori, di fuff e di food e di mafia e di chef.

    Read more...
  • Il cibo può abbracciare e raccontare una vita intera

    Marcello Forcina autore del libro la psicologia della frolla

    Si definisce “goloso per natura e scrittore per passione” il giovane Marcello Forcina, romano d’adozione, scrittore all’esordio con “La psicologia della frolla”, romanzo che parla di amore, di cibo e di amore per il cibo. Tramite A Tavola ci racconta qualcosa in più di sé, del suo romanzo e dell’amore della sua vita: Roma. 

    Read more...