Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Paolo Lopriore: la rivoluzione della convivialità

Paolo Lopriore A Tavola

“Ormai viviamo la tavola nel modo sbagliato: abbiamo acquisito un comportamento, sia a casa che al ristorante, che non ci appartiene. È disumano, lo facciamo senz’anima. I camerieri ci infastidiscono, la porzione ci ingabbia, il menù degustazione è un’imposizione: il mio obiettivo è far svanire tutto questo”.
Questa dichiarazione descrive bene lo chef Paolo Lopriore e la sua ricerca volta a ridisegnare la convivialità delle nostre tavole. Partendo da dove? Da un piatto messo al centro del tavolo, da condividere, da comporre, tutti insieme. Certo, non saranno presentazioni da centinaia di migliaia di likes su Instagram, ma sotto c’è qualcosa che scalda più di un pollice in segno di approvazione: è il senso italiano dello stare a tavola che torna d’attualità.

“Oggi la mia libertà è dare tutto all’ospite: è lui che deve comporre il suo piatto. La mia libertà si esaurisce nella variabilità del prodotto e nella creazione del gusto; ma la vera libertà è quella che concediamo a chi mangia le nostre pietanze”, dichiara Lopriore.
E per fare questo passo in avanti lo chef non può essere da solo. Sì perché immaginate di ricevere ingredienti (apparentemente) slegati tra loro sul tavolo e non i piatti-quadri che siamo abituati ormai a ricevere una volta seduti al ristorante: che impressione vi farebbe? È per questo che la rivoluzione della convivialità richiede un nuovo servizio di sala: “se riconosciamo l’importanza di donare al cliente la possibilità di creare il piatto con gli ingredienti che forniamo, diventa essenziale avere un servizio di sala all’altezza, che sappia salvaguardare quanto creato dallo chef. Dopo aver cercato di stupire i clienti con i sapori, oggi sono interessato alla forma. Mi piacerebbe riuscire a spiazzare anche con il servizio, facendo entrare chi mangia nel processo della creazione di un piatto. Un esempio? Chiedere a un cliente seduto a tavola che cosa dovrei fare secondo lui con una determinata salsa, quale dovrebbe essere l’abbinamento o la consistenza. E la mano lunga dello chef deve essere il cameriere: ben formato ed informato su quanto avviene tra i fornelli”.

Una creazione di Paolo Lopriore

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Chi - I più recenti

  • A Milano apre Lume, nuovo ristorante di Luigi Taglienti - Intervista allo chef
    Written by

    Ha inaugurato Lume, il nuovo ristorante milanese dello chef stellato Luigi Taglienti. 
Inserito in un contesto di archeologia industriale (gli stabili fanno parte di quella che fu la grande ex fabbrica Richard-Ginori), questo nuovo polo della gastronomia d’alto livello si trova in via Giacomo Watt 37, zona Naviglio Grande. Il complesso è gestito da MB America, azienda americana di wealth management che opera a Miami, Milano e Modena, con cui Taglienti ha collaborato ad ogni decisione sulla filosofia del ristorante e lo sviluppo del brand. Con un luminosissimo spazio eventi e ristorante intimo di poche sedute, Lume promette di attirare l’attenzione di tutti gli amanti del bien vivre cittadini e viaggiatori. Sempre più seguito dagli aficionado della sua cucina, Luigi Taglienti ha raccontato il suo nuovo ristorante ad A Tavola. Ecco cosa ci ha detto.

    Read more...
  • Caterina Ceraudo: le mille sfumature della natura nel piatto
    Written by

    caterina cerrando, chef, giovani talenti,

    Donna, giovane, calabrese: a soli 28 anni si è imposta all’attenzione nazionale come una delle chef più promettenti e alla fine di ottobre viene eletta miglior chef donna del 2016 durante il congresso di  Identità Golose.

    Enologa per tradizione familiare, scopre la sua passione per la cucina alla corte di Niko Romito e in breve tempo prende le redini del ristorante di famiglia, il Dattilo di Strongoli, una stella Michelin. Per creare un ottimo piatto per lei è importante la semplicità e una materia prima eccellente.

    Read more...
  • Chef Mauro Uliassi e … 50 sfumature di mare
    Written by

    Mauro Uliassi A Tavola

    Sono 50 e forse qualcuna di più le sfumature di mare che lo chef Mauro Uliassi ci ha presentato parlando della sua idea di cucina.

    Read more...
  • Cibo vs Fuff: Valerio Massimo Visintin ci parla di "Cuochi sull'orlo di una crisi di nervi"


    Valerio Massimo Visintin, il critico gastronomico torna in libreria con la sua ultima fatica letteraria “ Cuochi sull’orlo di una crisi di nervi” edito da Terre di mezzo Editore. 

    In incognito si muove tra tavoli senza tovaglia e cibi senz’anima, per noi si immola ogni giorno aiutandoci a destreggiarci nello scenario da giungla che è la ristorazione milanese, veste di nero e firma con una V… no, non è Zorro, ma Valerio Massimo Visintin. 

    Ai lettori di A Tavola racconta, con la sua solita verve,  di gioie e dolori, di fuff e di food e di mafia e di chef.

    Read more...
  • Il cibo può abbracciare e raccontare una vita intera

    Marcello Forcina autore del libro la psicologia della frolla

    Si definisce “goloso per natura e scrittore per passione” il giovane Marcello Forcina, romano d’adozione, scrittore all’esordio con “La psicologia della frolla”, romanzo che parla di amore, di cibo e di amore per il cibo. Tramite A Tavola ci racconta qualcosa in più di sé, del suo romanzo e dell’amore della sua vita: Roma. 

    Read more...