Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Prima stagione del Lunasia a Viareggio - Intervista allo chef Luca Landi

Dopo essere stato per anni l’eccellenza stellata della provincia di Pisa, presso il Green Park Resort di Tirrenia, il Lunasia è arrivato all’Hotel Plaza e De Russie di Viareggio, di proprietà della Soft Living Places. Lo chef lucchese Luca Landi ritorna nella sua provincia e con entusiasmo affronta la nuova sfida. Landi, diplomato all’Istituto alberghiero di Marina di Massa e reduce da decenni di esperienze internazionali (da Firenze a Montecarlo, fino a Girona), è celebre per la sua abilità nei piatti di pesce e per le scenografie che attua in ogni portata. Ecco cos’ha raccontato ad A Tavola su questo grande cambiamento di location e di carriera. 

Il trasferimento del Lunasia dal Green Park Resort di Tirrenia all’Hotel Plaza de Russie di Viareggio è una grande sfida. Come l’hai affrontata?
Abbiamo trasferito il ristorante per intero: persone, cose, ricette e pensieri. I cambiamenti stimolano sempre ed in questo caso il progetto è molto ambizioso; l’intento con cui abbiamo pensato questo rinnovamento è stato quello di fissare, grazie alla nuova location incredibilmente prestigiosa, nuovi traguardi per legarci alla Versilia e a Viareggio.

Ci racconti la location all’Hotel Plaza e De Russie?
È un bellissimo roof al quarto piano della struttura che ha sede in piena passeggiata, davanti al Gran Caffè Margherita, emblema del bellissimo stile liberty della Viareggio di inizi Novecento. Seduti a tavola, come si fosse su una prua di una nave, si può godere di uno spettacolo meraviglioso qual è la battigia viareggina; all’orizzonte una visuale che parte dal golfo delle Cinqueterre fino alla Gorgona. 

Da quando il Lunasia ha aperto a Viareggio, ritieni che sia cambiata, anche solo in parte, la clientela tipo che lo frequenta?
I nostri clienti ci hanno seguito con fedeltà, questo ci ha regalato grande soddisfazione. Direi che la clientela che ci cerca e che si siede al nostro tavolo ha sempre un tratto in comune: vuole e sa godere della tavola. Prodotti, creatività, servizio e cortesia sono gli ingredienti che continuano a far parte del nostro ristorante e le persone ce lo riconoscono.

A proposito del servizio, qual è la tua filosofia nella gestione della sala?
Il servizio è sempre stato fondamentale per me, la volontà è che tutto risulti preciso e puntuale mantenendo sempre una certa informalità. Apprezzo chi è sorridente e professionale. È fondamentale ricordare che noi siamo al servizio del cliente per rendere la sua cena, il tempo che ci dedica, un’esperienza indimenticabile. La volontà alla base è quella di far sentire il nostro ospite al centro dell’attenzione, coccolato e seguito, ma sempre con discrezione.

Cos’è cambiato nel menù? 
Ogni ricetta del ristorante è un azzardo ad osare di più, ogni proposta vuole raccontare una storia attraverso gli ingredienti, qualcosa che vada oltre il buon sapore del piatto. Abbiamo conservato i nostri cavalli di battaglia e stiamo proponendo ricette nuove. Se c’è stato un cambiamento è dovuto alla mia volontà di essere sempre più interprete del territorio in cui vivo. 
 
L’aperitivo del Lunasia è considerato un must. È disponibile anche nella nuova sede? 
Sì, il nostro aperitivo è nuovamente proposto nella sua formula dedicata al gelato salato campione del Mondo ed al pesce. Il riscontro con il pubblico continua ad essere sempre positivo.

Sono disponibili dei menù di degustazione? 
Ci sono tre formule di menù degustativi. Il più ricco offre tredici portate che raccontano l’aspetto più creativo della nostra cucina; un menù di sei è invece dedicato ai nostri piatti cult che ci portiamo nel cuore; infine un menù costituito da cinque portate, in cui i clienti ci danno carta bianca e dalla cucina proponiamo un percorso creato sul momento, seguendo la nostra ispirazione e le indicazioni del cliente stesso.

Come descriveresti la tua cucina ad un profano che non ha mai avuto l’occasione di provarla?
La cucina del Lunasia è creativa, o meglio con creatività reinterpreta il territorio ed i prodotti. Con un attenzione particolare al pescato interpreta ricette di mare e di terra, cercando di esaltare le qualità degli ingredienti. La mia cucina è una cucina di tecnica messa al servizio della ricetta, con rigore e rispetto.

Lunasia Ristorante
Piazza d'Azeglio 1
55049 Viareggio
0584 44449
Sito Web: Hotel Plaza e de la Russie
Pagina Facebook: Lunasia Ristorante

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Chi - I più recenti

  • A Milano apre Lume, nuovo ristorante di Luigi Taglienti - Intervista allo chef
    Written by

    Ha inaugurato Lume, il nuovo ristorante milanese dello chef stellato Luigi Taglienti. 
Inserito in un contesto di archeologia industriale (gli stabili fanno parte di quella che fu la grande ex fabbrica Richard-Ginori), questo nuovo polo della gastronomia d’alto livello si trova in via Giacomo Watt 37, zona Naviglio Grande. Il complesso è gestito da MB America, azienda americana di wealth management che opera a Miami, Milano e Modena, con cui Taglienti ha collaborato ad ogni decisione sulla filosofia del ristorante e lo sviluppo del brand. Con un luminosissimo spazio eventi e ristorante intimo di poche sedute, Lume promette di attirare l’attenzione di tutti gli amanti del bien vivre cittadini e viaggiatori. Sempre più seguito dagli aficionado della sua cucina, Luigi Taglienti ha raccontato il suo nuovo ristorante ad A Tavola. Ecco cosa ci ha detto.

    Read more...
  • Caterina Ceraudo: le mille sfumature della natura nel piatto
    Written by

    caterina cerrando, chef, giovani talenti,

    Donna, giovane, calabrese: a soli 28 anni si è imposta all’attenzione nazionale come una delle chef più promettenti e alla fine di ottobre viene eletta miglior chef donna del 2016 durante il congresso di  Identità Golose.

    Enologa per tradizione familiare, scopre la sua passione per la cucina alla corte di Niko Romito e in breve tempo prende le redini del ristorante di famiglia, il Dattilo di Strongoli, una stella Michelin. Per creare un ottimo piatto per lei è importante la semplicità e una materia prima eccellente.

    Read more...
  • Cibo vs Fuff: Valerio Massimo Visintin ci parla di "Cuochi sull'orlo di una crisi di nervi"


    Valerio Massimo Visintin, il critico gastronomico torna in libreria con la sua ultima fatica letteraria “ Cuochi sull’orlo di una crisi di nervi” edito da Terre di mezzo Editore. 

    In incognito si muove tra tavoli senza tovaglia e cibi senz’anima, per noi si immola ogni giorno aiutandoci a destreggiarci nello scenario da giungla che è la ristorazione milanese, veste di nero e firma con una V… no, non è Zorro, ma Valerio Massimo Visintin. 

    Ai lettori di A Tavola racconta, con la sua solita verve,  di gioie e dolori, di fuff e di food e di mafia e di chef.

    Read more...
  • Il cibo può abbracciare e raccontare una vita intera

    Marcello Forcina autore del libro la psicologia della frolla

    Si definisce “goloso per natura e scrittore per passione” il giovane Marcello Forcina, romano d’adozione, scrittore all’esordio con “La psicologia della frolla”, romanzo che parla di amore, di cibo e di amore per il cibo. Tramite A Tavola ci racconta qualcosa in più di sé, del suo romanzo e dell’amore della sua vita: Roma. 

    Read more...
  • L'alimentazione è come l'universo: non ha fine
    Written by

    In occasione dei 60 anni di Renato Marcialis si terrà a Milano, dal 20 al 22 maggio la mostra “Caravaggio in cucina”.

    60 fotografie che verranno presentate presso lo studio Renato Marcialis in via Giacomo Watt 10, dalle 10,30 alle 19.00, a Milano, luogo in cui il progetto ha preso forma e dove il pubblico sarà accolto nelle ambientazioni fatte di oggetti ricercati e di antiquariato della gastronomia italiana, luci, atmosfere e colori che hanno fatto da culla queste opere più che da mera cornice.

    Read more...