Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

A Milano apre Lume, nuovo ristorante di Luigi Taglienti - Intervista allo chef

Ha inaugurato Lume, il nuovo ristorante milanese dello chef stellato Luigi Taglienti. 
Inserito in un contesto di archeologia industriale (gli stabili fanno parte di quella che fu la grande ex fabbrica Richard-Ginori), questo nuovo polo della gastronomia d’alto livello si trova in via Giacomo Watt 37, zona Naviglio Grande. Il complesso è gestito da MB America, azienda americana di wealth management che opera a Miami, Milano e Modena, con cui Taglienti ha collaborato ad ogni decisione sulla filosofia del ristorante e lo sviluppo del brand. Con un luminosissimo spazio eventi e ristorante intimo di poche sedute, Lume promette di attirare l’attenzione di tutti gli amanti del bien vivre cittadini e viaggiatori. Sempre più seguito dagli aficionado della sua cucina, Luigi Taglienti ha raccontato il suo nuovo ristorante ad A Tavola. Ecco cosa ci ha detto.

Cosa si devono aspettare i clienti che entreranno per la prima volta da Lume?

Per questo progetto riparto da me, da Lume la cucina avrà una solida base ancorata alla tecnica, all’esperienza e alla mia storia professionale. Una cucina chiaramente leggibile, che possa parlare anche a una clientela straniera abituata ad alti standard di ristorazione, ma che al tempo stesso ricerca la grammatica e gli archetipi della cucina italiana.



 Da dove nasce il nome del ristorante?
Innanzitutto per la gran quantità di luce che penetra dalle vetrate. Di questi spazi si è occupato l’architetto Monica Melotti, che lavora dando molta importanza alla luminosità degli ambienti. Anche la cucina, protagonista dello spazio, è racchiusa in un cubo di vetro rivestito da decori, com ricami, che danno vita ad un gioco di volumi. Inoltre Lume è una parola facilmente pronunciabile anche in inglese, questo è un aspetto che, rivolgendoci ad una clientela internazionale, non potevamo trascurare.

Hai lavorato da Trussardi alla Scala e a Palazzo Parigi, due luoghi di Milano che più centrali non si può. Con che spirito affronti questa location lontana dal centro città?
Qui si respira più intimità rispetto a location più centrali o di maggior passaggio. Il centro mette a disposizione enormi vantaggi e al contempo priva di tanto altro: capita di avere spesso a che fare con una clientela non particolarmente interessata a ciò che stai facendo come chef ma che è di passaggio e decide di godere tutta la comodità della posizione. Chi viene qui, viene per noi. Questa è quindi per me una sfida nuova che mi riempie di entusiasmo. 

Come descriveresti il cliente tipo di Lume?
È una persona attenta a come si fanno le cose, chi arriva da noi non è soltanto in grado di apprezzare il buon cibo, viene per conoscerci o per ritrovarci, fa un’esperienza con noi attraverso i piatti e la cantina.

Parliamo della cucina. Cosa si può mangiare al Lume?
I menù della cena sono tre: uno alla carta che varia a ogni stagione e due di degustazione. Di questi ultimi, uno più classico, legato alla tradizione milanese, è di 7 portate; l’altro, decisamente più sperimentale, di 12. 
Ho scelto di rimanere fedele al mio percorso di cuoco, creando continuità rispetto alle evoluzioni e al lavoro svolto fin qui, proponendo classici signature dishes come l’Ossobuco alla Taglienti, il Bianco e nero di seppia, il Musetto di vitello allo spumante. Per i piatti nuovi il principio rimane lo stesso dei precedenti, ponendo al centro la naturalezza in ogni sua declinazione: la naturalezza degli ingredienti, quella del gesto, quella del pensiero. Tra le novità della carta i Ravioli di magro con ragù all’italiana e anche dei fuori menù sempre differenti. La carta dei vini spazia dalle grandi etichette ai piccoli produttori, basandosi su una ricerca legata ai territori.

È prevista l’apertura per pranzo?
Sì, in zona ci sono aziende storiche e un numero sempre crescente di start-up. Inoltre, come dicevo, i clienti affezionati tornano a trovarci in più occasioni. 

Che valore ha per te il servizio in sala? Che caratteristiche deve avere un professionista per lavorare al Lume?
Il servizio è fondamentale ed è sempre più difficile trovare personale di alto profilo. Mi piace vedere in chi lavora con me grande professionalità ma senza forzature, sono certo che questo aspetto venga recepito anche dal cliente seduto a tavola. Inoltre bisogna avere umanità e passione, per non offrire un servizio standard ma su misura. 

Dopo aver lavorato in cucine così importati, cosa ti ha portato a dire sì a MB America?
Questo per me è senza dubbio un salto di qualità. Se prima gestivo ciò che mi veniva affidato, qui ho contribuito alla creazione di un brand. Gli spazi, i colori, gli arredi…su molte cose mi sono confrontato costantemente con l’architetto Melotti ed altre figure chiave di MB America. È stato un progetto costruito insieme.

Ristorante Lume 
Via G. Watt 37,
20143 Milano
02 80888624
Sito Web: Ristorante Lume

 

 

 

  

 

 

 

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Chi - I più recenti

  • A Milano apre Lume, nuovo ristorante di Luigi Taglienti - Intervista allo chef
    Written by

    Ha inaugurato Lume, il nuovo ristorante milanese dello chef stellato Luigi Taglienti. 
Inserito in un contesto di archeologia industriale (gli stabili fanno parte di quella che fu la grande ex fabbrica Richard-Ginori), questo nuovo polo della gastronomia d’alto livello si trova in via Giacomo Watt 37, zona Naviglio Grande. Il complesso è gestito da MB America, azienda americana di wealth management che opera a Miami, Milano e Modena, con cui Taglienti ha collaborato ad ogni decisione sulla filosofia del ristorante e lo sviluppo del brand. Con un luminosissimo spazio eventi e ristorante intimo di poche sedute, Lume promette di attirare l’attenzione di tutti gli amanti del bien vivre cittadini e viaggiatori. Sempre più seguito dagli aficionado della sua cucina, Luigi Taglienti ha raccontato il suo nuovo ristorante ad A Tavola. Ecco cosa ci ha detto.

    Read more...
  • Caterina Ceraudo: le mille sfumature della natura nel piatto
    Written by

    caterina cerrando, chef, giovani talenti,

    Donna, giovane, calabrese: a soli 28 anni si è imposta all’attenzione nazionale come una delle chef più promettenti e alla fine di ottobre viene eletta miglior chef donna del 2016 durante il congresso di  Identità Golose.

    Enologa per tradizione familiare, scopre la sua passione per la cucina alla corte di Niko Romito e in breve tempo prende le redini del ristorante di famiglia, il Dattilo di Strongoli, una stella Michelin. Per creare un ottimo piatto per lei è importante la semplicità e una materia prima eccellente.

    Read more...
  • Chef Mauro Uliassi e … 50 sfumature di mare
    Written by

    Mauro Uliassi A Tavola

    Sono 50 e forse qualcuna di più le sfumature di mare che lo chef Mauro Uliassi ci ha presentato parlando della sua idea di cucina.

    Read more...
  • Cibo vs Fuff: Valerio Massimo Visintin ci parla di "Cuochi sull'orlo di una crisi di nervi"


    Valerio Massimo Visintin, il critico gastronomico torna in libreria con la sua ultima fatica letteraria “ Cuochi sull’orlo di una crisi di nervi” edito da Terre di mezzo Editore. 

    In incognito si muove tra tavoli senza tovaglia e cibi senz’anima, per noi si immola ogni giorno aiutandoci a destreggiarci nello scenario da giungla che è la ristorazione milanese, veste di nero e firma con una V… no, non è Zorro, ma Valerio Massimo Visintin. 

    Ai lettori di A Tavola racconta, con la sua solita verve,  di gioie e dolori, di fuff e di food e di mafia e di chef.

    Read more...
  • Il cibo può abbracciare e raccontare una vita intera

    Marcello Forcina autore del libro la psicologia della frolla

    Si definisce “goloso per natura e scrittore per passione” il giovane Marcello Forcina, romano d’adozione, scrittore all’esordio con “La psicologia della frolla”, romanzo che parla di amore, di cibo e di amore per il cibo. Tramite A Tavola ci racconta qualcosa in più di sé, del suo romanzo e dell’amore della sua vita: Roma. 

    Read more...