Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Skin ADV

Luoghi esotici o luoghi comuni?

Tutte le stagioni di Singapore

Gli abitanti di Singapore amano profondamente la loro città. E' la prima cosa che ti trasmettono (anzi, al momento pure l'unica: per ora, non brillano, sul fronte della comunicazione): ti incontrano, ti sottopongono a quelle che per loro sono le domande di benvenuto, per te un condensato del manuale del perfetto interrogatorio - capitolo sul  terzo grado -  dopodiché  attaccano con le dichiarazioni d'amore per il posto che ti accoglierà da oggi in poi. Lo fanno con una spontaneità così ingenua e così commovente, che alla fine ti ritrovi a partecipare con loro a questa metaforica “ola”,ad annuire convinto ad ogni loro affermazione, quasi che anche tu avessi una lunga esperienza sul campo, anziché essere arrivato l'altro ieri e non aver ancora capito a quale uscita della metropolitana corrisponda il percorso più breve per arrivare a casa tua. L'entusiasmo, si sa, è contagioso, e visto quello che di solito ci si prende all'Euqatore, tanto vale farsi contagiare da quello. 

Tuttavia, qualcosa che non va bene c'è, ed è questo terrificante clima equatoriale, che ti appiccica i vestiti già di primo mattino, ti arriccia i capelli, ti impone ritmi dannatamente lenti e trasforma l'attenta auscultazione del tuo corpo in una cacofonia di scricchiolii di ossa che neanche ci stessimo sparando la maratona di Skeleton 1-2-3-4, e pure con le cuffie ad infrarossi
Questo, i Singaporiani lo sanno, e se ne scusano, da subito, con un dispiacere altrettanto sincero: il clima, non va. Arrivano anche ad ironizzarci su, sostenendo che non è vero che a Singapore non esistano le stagioni, che anzi ci sono e sono ben tre, “caldo, più caldo e caldissimo” ma il problema rimane. Gli aspetti positivi si compensano con quelli negativi: è vero che non devi fare il cambio di stagione negli armadi, ma guai a non arieggiarli ogi giorno, se non ci si vuol ritrovare con una collezione di tubini verde-muffa, quando avevate insistito perchè fossero tutti di colori diversi; è vero che non ci sono le noie dei caloriferi: pulizia, manutenzione-spurgo e via dicendo; ma provate a rimaner mezz'ora coi condizionatori fuori uso; è vero che ti passa la fame, ma in concomitanza passa anche la voglia di muoversi, vasche in piscina comprese. L'unica reale conseguenza benefica la si registra sul fronte della conversazione, liberata finalmente dell'odioso luogo comune del “non esistono più le mezze stagioni”. Qui, una ne abbiamo-e ci tocca godercela  intera. 

 

Read 7987 times Last modified on Giovedì, 12 Gennaio 2017 16:03

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Blogs & Bloggers

Sergio AnastasiaSergio Anastasia

Psicoamante della buona tavola. Mi dedico alla cucina come un'occasione per recuperare dalla memoria ciò che di buono c’è nella vita. Perché sono fiducioso che nella vita ci sia sempre qualcosa di buono. Basta aver curiosità, passione e voglia di riscoprirsi.>> 

Simonetta Nepi e Maurizio PelliSimonetta Nepi & Maurizio Pelli

L'Italian cuisine, ovvero il nostro migliore ambasciatore nel mondo: l'autentica cucina italiana, raccontata da chi la fa e che ogni giorno si prodiga per sconfiggere la pizza al ketchup e altri mostri. >>

Alessandra Gennaro

Una ex ragazza, con delle idee. >>
 
 

Michela Bramati
Scopre d'essere celiaca e impara a conoscere il cibo. Terapista alimentare, ama mangiare naturalmente gluten free. >>

 

Luca Perego (Lucake)Luca Perego
Pasticciere per lavoro e per passione. Attraverso le mie ricette e i miei scatti voglio condividere il mio amore per i dolci, che sono diventati per me uno stile di vita. >>

 
Simone Matrisciano

Le sfumature della cucina italiana raccontate con sana ironia, tra originalità e moda, riverenza e irriverenza: tra bianco e nero >>